Influencer Marketing: 2 aziende su 3 decidono di farlo

Influencer marketing: 2 aziende su 3 decidono di farlo

Hai mai pensato di puntare su un influencer? Se la tua risposta è “sì”, sappi che non sei l’unico. Secondo l’Oim (Osservatorio Influencer Marketing), nel 2019 due aziende su tre hanno puntato questa tipologia di marketing. Le ricerche statistiche sono state condotte dall’Ipsos (società di consulenza e ricerca) unitamente alla Flu (Influencer Marketing Agency).

A quanto pare, uno dei principali motivi per cui le Piccole e Medie Imprese italiane tendono ad investire sulla figura professionale dell’influencer è l’incalzante utilizzo dei social network da parte dei consumatori.

Ma quali sono le altre motivazioni che spingono le aziende italiane nella direzione dell’Influencer Marketing?

Perché molte aziende italiane puntano sugli influencer?

Perché molte aziende italiane puntano sugli influencer?

La risposta che risiede alla base di tutto, anche della motivazione a cui abbiamo accennato prima, è che in questi anni abbiamo assistito ad un’inversione di tendenza. Ci spieghiamo meglio.

Se fino a qualche anno fa il trend era quello di puntare su personaggi dello spettacolo, resi noti dalla televisione, principalmente, ora si tende a dare credito agli influencer. Questa nuova figura, che si sta facendo sempre di più spazio nella nostra società, è una sorta di celebrità nata dal basso, dal popolo. Pertanto, non è un personaggio inarrivabile: al contrario, è un membro del popolo, “uno di noi”, con cui ci si può scambiare messaggi regolarmente attraverso i social.

Inoltre, il fatto che un influencer è seguito sui social ed acclamato da un certo target di persone (appassionate di un determinato ambito), dona molto valore a questo tipo di figura.

Ma andiamo ad analizzare la questione più a fondo, dando uno sguardo alle statistiche riportate dall’Oim.

Uno sguardo ai numeri

Uno sguardo ai numeri - influencer

Secondo l’88% delle aziende intervistate, collaborare con un influencer che abbia seguito nell’ambito in cui opera la propria impresa serve a raggiungere il proprio target di riferimento.

Per l’85% di loro, è una questione di notorietà del brand: puntare questa figura professionale vuol dire farsi conoscere più velocemente e dalle persone giuste.

Ma attenzione: solo il 66% delle aziende intervistate ha dichiarato di rivolgersi ad un influencer in modo continuativo. La restante percentuale di imprenditori presi a campione ha spiegato di ricorrere a tale figura solo per promuovere gli eventi o per specifici lanci di prodotto.

Se desideri maggiori informazioni su questa nuova tipologia di marketing – o se hai già deciso di investire in questo ambito – non esitare a contattarci. Per farlo, invia la tua richiesta compilando il form presente nella nostra area CONTATTI. Uno staff di consulenti specializzato in marketing e comunicazione ti risponderà nel giro di poche ore.

Commenti Facebook


2019 © Osservatorio-opg.it - All rights reserved.